Il Lido Horcynus Orca è un’avventura iniziata esattamente 20 anni fa, quando la Legambiente di Messina ed una cooperativa giovanile si aggiudicarono un bando comunale per l’assegnazione di un lotto di spiaggia a Torre Faro. Il “ Lidino” ( era così definito da tanti giovani messinesi che già allora affollavano la spiaggia di Capo Peloro) era già li, prima che la Regione istituisse la Riserva Naturale  e prima che sorgesse il Parco Scientifico Letteriario Horcynus Orca. Da allora molte cose sono cambiate, dai servizi offerti ai volti che accompagnano i bagnanti. Due cose, però, continuiamo a custodirle gelosamente e le rinnoviamo di stagione in stagione:
•    Il privilegio di operare in uno dei luoghi più suggestivi al mondo, in un fazzoletto di sabbia tra una  terra e  due mari, intriso di storia e miti, la cui bellezza impareggiabile da millenni ispira artisti, poeti e letterati .
•    L’identità, che da sempre appartiene a questo Spazio e che condividiamo con quanti lo vivono e che è il frutto di un’alchimia tra più elementi: indissolubile legame con il territorio –  orientamento alla sostenibilità ambientale – vocazione multiculturale – innovazione e sperimentazione.
Un’identità così forte è alla base di alcune scelte che  caratterizzano il Lido Horcynus Orca e che si muovono in controtendenza con il mercato e con la standardizzazione dei servizi, prima fra tutte la scelta di  garantire il libero accesso in spiaggia ( che, seppur in concessione, rimane un bene pubblico) e di far pagare solo i servizi utilizzati e le attrezzature noleggiate.
Dunque, qualcosa più di un lido! Uno Spazio dedicato al tempo libero, alle sperimentazioni, alla conoscenza, ad espressioni in forme individuali e collettive. Uno Spazio che è sbocciato con pienezza nell’incontro con il Parco Horcynus Orca in un percorso di condivisione di orientamento etico e culturale.